Quando i cani vanno all'asta » Una triste storia italiana

All'asta, come un televisore da 55 pollici. Pignorata come un'automobile rossa fiammante. Ma Laika è una cucciolona di pastore tedesco: si, è finita all'incanto insieme ai beni della sua padrona, un'allevatrice del nord Mantovano, invischiata in un cavillo giudiziario.

L'ufficiale giudiziario, dopo averla squadrata dal muso alle zampe, ha chiesto informazioni e ha scoperto che Laika è di razza pregiata, con un pedigree lungo un Kilometro.

Praticamente, lei, da sola, vale più dell'ammasso di tutti gli oggetti della proprietaria destinati al pignoramento.

La cucciola è un bene di valore e servirà a tappare il buco della sua padrona.

Ieri l'asta è andata deserta, ma la proprietaria non esulta: al prossimo incanto qualcuno potrebbe decidere di pagare 500 euro e portarsi via il suo cane, magari insieme al divano.

Non sorride nemmeno all'altra ipotesi: se la seconda asta andasse deserta, che fine farebbe Laika?

Questa, come tante altre, attualissime, sono storie triste, scaturite a causa di un ordinamento giuridico malato.

Al di la della decisione di pignorare un cane paragonandolo a un bene qualunque è quantomento preoccupante la possibilità che un cane possa finire nelle mani di chiunque.

Sono i cani, i migliori amici dell'uomo che finiscono nell'elenco dei beni ‘oggetto di pignoramentò

Già, si possono pignorare anche i cani. Un cane è certo una ricchezza, questo è vero ma per la legge ora è anche un bene.

In Italia, nel 42% delle famiglie italiane, un cane è di grande aiuto soprattutto per quegli anziani soli per cui l'amore incondizionato di un animale riesce a compensare tante ferite in cambio solamente di un tetto sicuro, un po' di affetto e una ciotola.

Una funzione sociale ed emotiva fondamentale ma non riconosciuta dalla legge italiana.

Da un punto di vista strettamente procedurale, infatti gli animali, vivi o morti, sono considerati un bene e nessuna tutela in quanto esseri dotati di sentimenti è loro riconosciuta.

Tanto che, in caso di maltrattamento, il reato individuato dalla Legge è solo quello in funzione del sentimento per gli animali e non degli animali stessi.

In parole povere, l'oggetto da tutelare è il sentimento dell'uomo verso il proprio animale che può essere scosso da un eventuale maltrattamento.

In realtà la pignorabilità degli animali domestici è poco applicabile e riconosciuta, almeno nel caso di animali da compagnia come i cani, i gatti i conigli ecc.

Il Codice di Procedura Civile dichiara pignorabili tutte le cose del debitore, quindi i beni suscettibili di valutazione economica.

Da qui la proposta di aggiungere al codice civile l'articolo 2911 bis, che mette al riparo cani e gatti dal pignoramento e dall'asta giudiziaria.

Ormai si è affermata una nuova sensibilità collettiva. Gli animali domestici sono considerati alla stregua di veri e propri componenti della famiglia.

Le loro esigenze vanno rispettate.

Purtroppo, però, negli ultimi anni, in più di una vertenza giudiziaria, molti animali domestici sono stati pignorati e messi all'asta e sono finiti nelle mani di chiunque, esattamente come succede per auto e mobili o per qualunque altro oggetto superfluo.

La proposta contiene norme anche per gli animali non domestici.

Per loro, è previsto che lo scopo patrimoniale o lucrativo del pignoramento deve risultare esclusivamente da un'idonea e attendibile documentazione fornita dal creditore" o da un'univoca documentazione raccolta dall'ufficiale giudiziario.

In assenza di queste carte, nessun animale non domestico potrà essere pignorato, né potranno essere avviate procedure esecutive, espropriazioni forzate o eseguiti sequestri conservativi.

Il codice civile stabilisce che, oltre alle cose dichiarate impignorabili da speciali disposizioni di legge, non si possono pignorare gli oggetti sacri e quelli che servono all'esercizio del culto.

30 giugno 2014 · Patrizio Oliva

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su quando i cani vanno all'asta » una triste storia italiana.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.