Assicurazione contro i danni - la prescrizione del diritto al risarcimento decorre dalla conclusione delle operazioni peritali

In tema di assicurazione contro i danni, salvo che l'assicuratore abbia contestato l'operatività della garanzia, la prescrizione del diritto dell'assicurato all'indennità decorre dalla data in cui il diritto stesso può essere esercitato e, cioè, dal momento del verificarsi del fatto ovvero, quando le parti abbiano previsto lo svolgimento di una perizia contrattuale per la quantificazione del danno, dal momento della conclusione di tale procedura.

Infatti, poiché in caso di affidamento ai periti della quantificazione del danno la prestazione, non ancora determinata nel quantum, non è esigibile sino a quando non si compia il previsto iter delle operazioni peritali, all'esito delle quali soltanto si realizza il requisito dell'esigibilità della prestazione ormai determinata nella sua precisa entità.

Questo l'orientamento espresso dai giudici della Corte di cassazione nella sentenza 10541/14.

10 dicembre 2014 · Roberto Petrella

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su assicurazione contro i danni - la prescrizione del diritto al risarcimento decorre dalla conclusione delle operazioni peritali. Clicca qui.

Stai leggendo Assicurazione contro i danni - la prescrizione del diritto al risarcimento decorre dalla conclusione delle operazioni peritali Autore Roberto Petrella Articolo pubblicato il giorno 10 dicembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 14 gennaio 2017 Classificato nella categoria prescrizione in materia di assicurazione e diritto di rivalsa . Inserito nella sezione prescrizione dei debiti Numero di commenti e domande: 0

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info