Requisiti formali di un assegno bancario

Perché sia compilato validamente, occorre che contenga alcuni requisiti essenziali:

  1. l'indicazione della data e del luogo di emissione;
  2. la somma da pagare;
  3. la firma del traente;
  4. la denominazione di assegno bancario.

trattario-traente1

. Per riepilogare Il traente è chi emette l'assegno. Il "trattario" è la banca presso la quale il traente ha il conto corrente.

Il "beneficiario" o "prenditore" è colui al quale deve essere pagato l'assegno, una volta identificato dalla banca.

Attenzione, è consigliabile intestare sempre un assegno per evitare che, in caso di smarrimento o furto, possa essere incassato da persone diverse. La banca è comunque tenuta ad identificare il portatore dell'assegno.

Il beneficiario può anche essere lo stesso traente, scrivendo ad esempio le formule "a me stesso", o "a me medesimo", o "m.m." l'assegno può essere girato unicamente per l'incasso a una banca.

Se l'assegno bancario contiene delle girate, significa che ognuno dei giranti garantisce l'importo scritto sull'assegno, e potrà, dunque, essere chiamato a rifonderlo nel caso di mancato pagamento da parte della Banca.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su requisiti formali di un assegno bancario.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Piergiu 18 settembre 2012 at 06:42

    Salve.
    Ho avuto il seguente problema:
    scadenza assegno (dato al fornitore) 31/03; mancanza copertura per bonifico in transito sul mio conto; ripresentato dalla banca stessa il 02/04 (timbro stanza di compensazione 03/04) e pagato regolarmente; comunicazione dalla mia banca per emissione di assegno in violazione art. 2 L. 386/60.... (pagamento soli oneri facciali, accessori esclusi).
    A causa di una mia negligenza (data dal fatto che l'assegno comunque era stato pagato) non producevo entro i termini di scadenza, la quietanza da parte del fornitore, che per l'assenza dell'Amm.re Delegato, veniva redatta (da notaio) 3 gg oltre la scadenza, pur indicando che tutti gli importi dovuti erano stati pagati entro i termini.
    Ora... ok io ho "sbagliato".
    Ma è normale che, dopo il "crimine" commesso (con tutte le conseguenze derivatene), la data di valuta dell'assegno (sul mio estr. conto), sia comunque 31/03 e quella dell'operazione sia 10/04? Al fornitore risulta pagato il 02/04.
    Grazie per eventuali chiarimenti

    1 13 14 15