L'istituto bancario può dichiarare che la sottoscrizione del traente apposta sull'assegno bancario non è chiaramente leggibile, ragione per cui non procede al pagamento anche se c'è la provvista ?

  • Fernando Molinari 28 agosto 2014 at 11:39

    L'istituto bancario può dichiarare che la sottoscrizione del traente apposta sull'assegno bancario non è chiaramente leggibile, ragione per cui non procede al pagamento anche se c'è la provvista ?

    • Ludmilla Karadzic 28 agosto 2014 at 13:40

      Negli ultimi tempi le banche sono state condannate al risarcimento danni dall'Arbitro Bancario Finanziario (ABF) e dalla Corte di Cassazione per aver pagato assegni, poi disconosciuti dal traente, la cui la firma non era ritenuta conforme a quella depositata.

      Ora le banche hanno imparato la lezione e stanno attente, anche a costo di creare disservizi a chi emette l'assegno. Come spesso avviene, le sentenze a favore dei clienti ci si ritorcono contro.

Torna all'articolo

Altri contenuti suggeriti da Google

Struttura del sito ed altre info