Assegno per il mantenimento della figlia minore - Il coniuge obbligato non può chiedere il rendiconto delle spese al coniuge affidatario

Quando, in sede di separazione personale dei coniugi, i figli siano stati affidati, con provvedimento presidenziale o con sentenza definitiva, ad uno dei coniugi, l'assegno posto a carico del coniuge non affidatario, quale suo concorso agli oneri economici derivanti dal mantenimento della prole, è determinato in misura forfettariamente proporzionata alle sostanze dei genitori, al numero ed alle esigenze dei figli.

Il coniuge non affidatario non ha diritto ad un rendiconto delle spese effettivamente sostenute per il suddetto mantenimento.

Inoltre, in materia di assegno di mantenimento per i figli, la relativa domanda proposta da uno dei genitori nei confronti dell'altro, se ritenuta fondata, deve essere accolta, in mancanza di espresse limitazioni, dalla data della sua proposizione, e non da quella della sentenza.

Queste le considerazioni svolte dai giudici della Corte di cassazione nella sentenza 12645/15, in cui il coniuge obbligato alla corresponsione dell'assegno di mantenimento lamentava il diniego, opposto dai giudici di merito, alla sua richiesta di rendiconto dele somme versate a beneficio della figlia minore nonché la circostanza che l'assegno per il concorso nel mantenimento della figlia minore era stato fatto decorrere dalla data della domanda e non dalla data della sentenza di accoglimento della stessa.

19 giugno 2015 · Tullio Solinas

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su assegno per il mantenimento della figlia minore - il coniuge obbligato non può chiedere il rendiconto delle spese al coniuge affidatario.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Nello Magliulo 20 giugno 2015 at 22:03

    perdendo causa per offese alla persona e minaccie di morte ma solo a parole ...purtroppo ho pagato dazio ho perso causa e l'avvocato della mia ex moglie mi dice l'ammontare del dovuto e di euro 4.639,00 spese di sentenze bolli etc etc ..essendo esodato da banca (andrò in pensione 1/1/2020) salvaguardato ...ma non posso avere assegni familiari e ne detrazione figlia a carico e moglie (essendomi risposato) nessun prestito in quanto sono in una nicchia dove non è possibile avere nessuna agevolazione ...sono debitore nei confronti della banca di mutuo 90.000.00 euro e sono in rosso di c/c fido da 10.000,00 euro e attualmente pago il mantenimento alle mie due figlie di 27/ e 19/ anni vivo con soli 350 euro il resto va per il mantenimento figlie 380,00 su revisione mantenimento 471,00 mutuo e 100,00 euro rateo auto più 50,00 euro mensili l'avvocato della controparte e 50,00 il mio avvocato la domanda e SE NON PAGO GLI AVVOCATI COSA POSSONO FARE NEI MIEI CONFRONTI NON HO PIU'POSSIBILITA'A FARE UNA VITA DIGNITOSA ASPETTO RISPOSTA GRAZIE

    • Simone di Saintjust 21 giugno 2015 at 03:52

      Non pagando le spese legali al cui versamento è stato condannato dal giudice, andrà purtroppo incontro al pignoramento del 20% di quanto percepisce mensilmente come esodato in salvaguardia.