In cosa consiste e quando spetta l'assegno di mantenimento al coniuge separato

Chiariamo alcuni punti: in che cosa consiste l'assegno di mantenimento e, più dettagliatamente, quando spetta? Fughiamo tutti i dubbi nel prosieguo dell'articolo.

Come accennato, l'assegno di mantenimento è un provvedimento economico che viene assunto dal giudice (ma può anche essere rimesso ad accordi liberamente sottoscritti dai coniugi) in sede di separazione tra i coniugi e consiste nel versamento di una somma di denaro, suscettibile di revisione nel tempo, al coniuge economicamente debole o agli eventuali figli nati dal matrimonio.

Se l'assegno periodico non viene versato e sussiste uno stato di bisogno in capo al coniuge avente diritto, quest’ultimo può far ricorso al Giudice per avere un'anticipazione della somma da parte del “Fondo di solidarietà a tutela del coniuge in stato di bisogno” (legge di Stabilità 2016).

Per ottenere l'assegno di mantenimento, devono ricorrere le seguenti condizioni:

  • deve esserne fatta esplicita richiesta nella domanda di separazione dal coniuge richiedente;
  • al coniuge che richiede l'assegno non deve essere addebitata la separazione;
  • il coniuge richiedente non deve avere “adeguati redditi propri”;
  • il coniuge obbligato al pagamento dell'assegno deve disporre di mezzi economici idonei.

L'assegno da corrispondere è periodico (con scadenza generalmente mensile):

  • può consistere in una somma di denaro unica
  • o in voci di spesa (per esempio il pagamento del canone di affitto o delle spese condominiali).
  • Presupposto è che:

    • il coniuge non abbia redditi propri adeguati
    • i redditi propri del coniuge non siano sufficienti a consentirgli di conservare il precedente tenore di vita.

    L'assegno non spetta:

    • al coniuge al quale sia stata addebitata la responsabilità della separazione (in tal caso, può essere riconosciuto il diritto agli alimenti).

    Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

    Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

    condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

    Altre info

    staff e collaboratori
    privacy e cookie
    note legali
    contatti


    Cerca