l’assegno – salvo che non venga urgentemente richiamato dal creditore e non è il Suo caso – deve essere pagato a vista

Buonasera ho una domanda da porvi, sono una cliente unicredit negoziante.

Il giorno 16 marzo 2010 mi e' arrivato un assegno in banca datato 28 febbraio 2010 di euro 5000,00. Impossibilitata a pagarlo mi reco in banca per sapere a cosa andavo incontro non pagandolo premetto che sono gia diversi giorni che chiedo ,da parte loro solo vari accenni sulla certezza che non e' protestabile da parte mia chiedo anche notizie sulla cai non sono informati cosi mi vedo costretta a rivolgermi in un’altra banca.

Qui mi viene spiegato che esiste una camera di compensazione a cui fa fede il giorno riportato dietro l’assegno e che da quella data si puo essere iscritti o no in cai.

Come posso fare x informarmi e soprattutto x portarlo dal mio direttore?

C’e' poco da inventarsi purtroppo, l’assegno – salvo che non venga urgentemente richiamato dal creditore e non e' il Suo caso – deve essere pagato a vista.

In caso di mancanza di fondi viene levato (puo' essere levato per essere precisi) il protesto, entro 48 ore dalla presentazione, e da quel momento decorrono 60 giorni di tempo per regolarizzare il pagamento dell’assegno direttamente presso il creditore (con il pagamento in piu' del 10% del valore facciale + interessi e spese) onde evitare l’iscrizione in CAI (che oggigiorno e' forse peggio del protesto); il creditore dovra' rilasciare una dichiarazione con firma autenticata attestante il saldo del dovuto.

Per fare una domanda sul come difendersi dalle societa' di recupero crediti e dagli agenti esattoriali, sui debiti in generale e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su l’assegno – salvo che non venga urgentemente richiamato dal creditore e non è il suo caso – deve essere pagato a vista ed in generale su consigli e tutela del debitore - domande e risposte.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook o Google+.

Stai leggendo L’assegno – salvo che non venga urgentemente richiamato dal creditore e non è il Suo caso – deve essere pagato a vista Autore Tullio Solinas Articolo pubblicato il 21 marzo 2010 Ultima modifica effettuata il 9 ottobre 2014 Classificato nelle categorie consigli e tutela del debitore - domande e risposte Etichettato con tag , , , , , Archiviato nella sezione FAQ – domande e risposte frequenti » FAQ su consigli tutela della privacy e della dignità del debitore – accordo a saldo stralcio – guide su come raggiungere un accordo con il creditore Letture 824 Numero di commenti e domande: 0

Se hai un account Google+ o Facebook e navighi con un browser aggiornato, puoi contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

Se vuoi restare informato sui contenuti del sito, iscriviti alla newsletter o al feed di indebitati.it

Puoi seguirci anche sui social network

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook o Google+.

cerca

cerca