Assegni postdatati e protesto

Sono un commerciante in chiusura di attività, ho un monomarca e l'azienda mi ha da sempre chiesto postdatati a garanzia della merce.

Non sono riuscito a pagare un assegno e verrò iscritto al CAI;l'azienda però ha in mano altri postdatati che verserà, anche se io non potrò più emettere assegni. Cosa posso fare per questo problema?l'azienda mi ha chiuso le porte e non so proprio cosa fare.

Mai fare assegni postdatati. Punto.

Le conseguenze Le sta vivendo sulla propria pelle. Oltre a costituire un illecito amministrativo, in mano alle persone sbagliate (e bene informate) gli assegni possono essere incassati a prescindere dalla data apposta...

A questo punto Lei andrà incontro ad ulteriori protesti e segnalazioni, ed alla possibile applicazione delle sanzioni amministrative da parte della Questura. Secondariamente, qualsiasi accesso al credito Le sarà inibito, e potrebbe avere problemi anche ad avviare un normalissimo rapporto bancario.

Il danno più grosso l'ha avuto in verità con il primo protesto (è un po' come la verginità, una volta persa non torna più).

La cosa migliore è cercare di tenere aperto il colloquio con il creditore, spiegandogli che mettendo all'incasso gli assegni si troverà unicamente a sostenere le spese di protesto.

18 febbraio 2011 · Simone di Saintjust

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su assegni postdatati e protesto.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.