I chiarimenti della banca d'Italia sulla procedura di revoca degli assegni senza autorizzazione o senza provvista

La Banca d'Italia ha recentemente chiarito che l'eventuale richiamo dell'assegno da parte della banca negoziatrice dopo che si sono perfezionati gli illeciti di emissione senza autorizzazione o senza provvista (artt. 1 e 2 della legge 386/1990), obbliga comunque la banca trattaria - pur dopo che la stessa abbia eventualmente dato corso al richiamo, restituendo l'assegno alla banca negoziatrice - ad effettuare tutti gli adempimenti di legge, relativi sia alla procedura sanzionatoria amministrativa (comunicazione al prefetto) sia alla revoca di sistema (immediata iscrizione nell'archivio centralizzato per gli assegni privi di autorizzazione e invio del preavviso di revoca per gli assegni senza provvista).

Per gli assegni senza provvista, la comunicazione al prefetto e la segnalazione alla CAI possono essere evitate solo se il correntista dia prova del pagamento tardivo del titolo, maggiorato della penale, degli interessi e delle eventuali spese, ai sensi dell'articolo 8 della legge 386/1990.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su i chiarimenti della banca d'italia sulla procedura di revoca degli assegni senza autorizzazione o senza provvista.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • amelia valente 2 settembre 2013 at 20:57

    Buonasera volevo chiederle un parere. A giugno sono stata vittima di una truffa, regolarmente denunciata ai CC.Nel pacchetto della truffa c'era anche un assegno mio di 600 euro che, quando mi sono accorta di ciò che stava succedendo, ho evitato di pagare togliendo i miei soldi dal conto e per ciò è stato dato l'impagato. Poi dell'assegno non ho avuto più notizia.Ho portato la denuncia presso la filiale delle Poste dove ho il conto credendo che ciò servisse a bloccare l'assegno. Ora se entro il 6/9 non dimostrerò di aver pagato l'assegno o riaverlo in mie mani verrò segnalata in CAI!!!Cosa devo fare? Ho un'attività e non posso permettermi la segnalazione in CAI ma non voglio neanche versare 660 euro che in questo momento non ho per riaverli poi?? con il mio legale abbiamo chiesto il sequestro dell'assegno ma è ancora tutto presso i Carabinieri e non c'è ancora unPM al quale rivolgermi—-ha un suggerimento? Grazie

    • Carla Benvenuto 3 settembre 2013 at 05:48

      Gentile Amelia, non le resta altro da fare, per evitare l'iscrizione in CAI e la conseguente "revoca di sistema" che aprire un deposito infruttifero vincolato a favore del beneficiario oppure contattare il beneficiario stesso e procedere al pagamento tardivo dell'assegno con le penalità e gli interessi previsti dalla legge.

      Capisco che dover contattare il truffatore e consegnargli il frutto della truffa potrà sembrarle allucinante. Ma, dovrà essere un giudice (non un PM) a stabilire che lei è stata vittima di una truffa. Solo dopo una sentenza potrà richiedere il risarcimento del danno. Purtroppo, fino a quel momento, non sarà sufficiente la presentazione di una denuncia (e l'eventuale rinvio a giudizio del truffatore) per poter evitare di pagare un assegno.

    1 2 3 4