Aspetti particolari sulla detrazione degli interessi passivi del mutuo

Dichiarazione dei redditi e interessi passivi - Cosa si può detrarre

Non è possibile portare in detrazione gli interessi pagati a seguito di aperture di credito bancario, cessione dello stipendio e comunque gli interessi derivanti da finanziamenti diversi da quelli relativi a contratti di mutuo. Unitamente agli interessi passivi sono detraibili le commissioni spettanti agli istituti di credito per la [ ... leggi tutto » ]

Detrazioni in dichiarazione dei redditi - Interessi passivi mutuo ed usufrutto

Beneficiari della detrazione possono essere soltanto coloro che, contemporaneamente, siano titolari del contratto di mutuo e della proprietà dell'immobile. È stato escluso (istruzioni a Unico Pf/730) che l'usufruttuario possa conseguire la detrazione, in quanto non acquista la proprietà del bene. Il beneficio fiscale, quindi, compete soltanto al nudo proprietario [ ... leggi tutto » ]

Dichiarazione dei redditi e interessi passivi - Come si calcola la detrazione

La detrazione si calcola applicando l'aliquota del 19% su un importo annuo (costituito da interessi passivi e oneri accessori e quote di rivalutazione) non superiore a 4.000 euro, che, in caso di più beneficiari, va proporzionalmente suddiviso in base all'intestazione del mutuo, tenendo, altresì, conto di tutti i mutui [ ... leggi tutto » ]

Dichiarazione dei redditi - Ripartizione della detrazione di mutuo cointestato in rapporto alla quota di proprietà dell'immobile

Come chiarito dalla circolare 17/E/2006, punto 7, ai fini della ripartizione della detrazione degli interessi passivi derivanti dal mutuo contratto per l'acquisto della abitazione principale, risulta ininfluente la percentuale di intestazione della proprietà di quest’ultima. Pertanto, gli interessi del mutuo cointestato saranno detraibili nella misura di ripartizione del mutuo, [ ... leggi tutto » ]

Concetto di abitazione principale per la detrazione interessi passivi - Vincoli temporali fra stipula del mutuo ed acquisto immobile

Il beneficio va fruito secondo il criterio di cassa: le rate, cioè, si detraggono solo nell'anno d'imposta in cui vengono pagate, a prescindere dalle diverse scadenze che risultano dal piano di ammortamento convenuto con il mutuante (analogo criterio vale per gli oneri accessori). A pena della perdita del diritto [ ... leggi tutto » ]