arrivato il decreto ingiuntivo

Come da titolo mi è arrivato un decreto ingiuntivo, mi viene chiesto di pagare una somma in contanti che non possiedo,io vorrei risolvere la questione sarei disposto a cedere anche il quinto dello stipendio (fortunatamente ho trovato un lavoro a tempo indeterminato) COME DEVO PROCEDERE? devo apettare l'arrivo dell'ufficiale giudiziario e concordare la cessione del quinto?

Se si è possibile che non accetti il quinto e proceda con il pignoramento?

Vi ringrazio per l'aiuto che potete darmi e complimenti per il forum aver letto alcuni post mi ha aiutato parecchio.

Il decreto ingiuntivo non opposto, dopo 40 giorni diventa un titolo esecutivo, cui seguirà la notifica dell'atto di precetto, a 10 giorni dalla quale potranno essere improntate le azioni esecutive, fra le quali è possibile il pignoramento dello stipendio.

Lei a questo punto può:

a) valutare se esistono elementi per fare opposizione al decreto ingiuntivo, ed evitare così che diventi un titolo esecutivo, dirottando verso un procedimento cognitivo (causa civile che potrebbe durare anni): Le serve un avvocato per questa opzione;

b) non fare nulla, ed attendere gli eventi: probabilmente Le pignoreranno un quinto dello stipendio;

c) contattare l'avvocato di controparte, e proporre una transazione a saldo e stralcio: si procurerà la cifra necessaria mediante una cessione volontaria di un quinto dello stipendio ad una delle tante finanziarie esistenti.

Valuti qual è secondo Lei la migliore opzione, io Le consiglio la c)

31 marzo 2011 · Simone di Saintjust

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su arrivato il decreto ingiuntivo.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • giongiovi 6 agosto 2012 at 08:16

    Buongiorno avrei un quesito da porvi.
    Io ho un debito residuo con agos ducato di circa 4000 inizialmente era di 15000 più interessi arrivato a circa 20000.
    purtroppo non riesco più a pagare le rate di 475 euro mensili (non pago già cinque mensilità) e sto preparando una lettera con richiesta di saldo e stralcio di circa 1800 euro
    che pagherò entro il mese di dicembre con la mia tredicesima mensilità.
    Ho precisato nella lettera che sulla mia busta paga già gravano una cessione del quinto dello stipendio e un prestito con delega di 282 euro cad. uno che scadranno a dicembre
    2021. Ho anche precisato che ho due bimbe piccole una di cinque anni e una di due mesi e che non possiedo nessun bene immobile e/o mobile tranne una peogut 307
    del 2004.
    premetto anche che già sono stato contatto parecchie volte ma ultimamente un mese circa non mi stanno più cercando.
    Volevo chiedervi se ho qualche possibilità che la società accetti la mia proposta.

    • Annapaola Ferri 6 agosto 2012 at 10:54

      Non vedo alcuna possibilità che la sua proposta di saldo a stralcio venga approvata, in questa fase.

      Agos, se riterrà affidabili le informazioni da lei fornite, tenterà di “sbolognare” il credito a qualche società di recupero, cercando di ottenere più dei 1.800 euro che lei offre.

      A tale scopo, nel dossier indicherà che lei è un lavoratore dipendente con prelievo della sola cessione del quinto. E quindi, facilmente aggredibile con ricorso per decreto ingiuntivo finalizzato ad ottenere il pignoramento del 20% dello stipendio netto.

      I tempi dipendono, dunque, dal tentativo di Agos di sbarazzarsi con successo della sua posizione.