Arbitro bancario finanziario » Competenza e presupposti

L'ABF è competente a pronunciarsi sulle liti che riguardano solo operazioni e servizi bancari e finanziari (ad esempio: conti correnti, assegni, mutui, altri prestiti personali, quali quelli per l'acquisto di beni o servizi, e i servizi di pagamento, e quindi per bonifici, carte di credito e carte di pagamento/bancomat), con esclusione pertanto delle controversie che hanno ad oggetto i cosìdetti servizi di investimento, ovvero, in poche parole, quelli relativi all'acquisto o sottoscrizione di azioni, obbligazioni, fondi comuni di investimento, polizze assicurative di natura finanziaria, etc. (disciplinati dalla legge numero 58/1998, che, a sua volta, prevede uno specifico e diverso ADR).

E' possibile, più in particolare, ricorrere all'Arbirtro Bancario Finanziario per le controversie con la banca relative all'accertamento di diritti, obblighi e facoltà, indipendentemente dal valore del rapporto da cui nascono.

Tuttavia se la richiesta del cliente ricorrente è la corresponsione di una somma di danaro (a qualunque titolo) la lite può essere “risolta” dall'ABF sino alla somma massima di 100.000 euro.

Non possono essere inoltre sottoposte all'ABF contestazioni relative a operazioni o comportamenti anteriori all'1 gennaio 2009, né, ovviamente quelle già portate avanti all'autorità giudiziaria (o ad altro collegio arbitrale).

Inoltre, il ricorso all'ABF è subordinato alla previa presentazione di un reclamo alla banca, e non devono essere trascorsi più di 12 mesi dalla presentazione di detto reclamo.

Si ricordi, in proposito, che tutte la banche sono obbligate per legge a costituire al proprio interno un ufficio reclami e, secondo le disposizioni della Banca d'Italia, a rispondere al cliente entro 30 giorni dal suo ricevimento del reclamo.

Se il cliente entro questo termine non riceve risposta o non è soddisfatto da quella ricevuta può proporre ricorso all'ABF.

Il cliente può inoltre chiedere nel ricorso il risarcimento del danno anche quando tale richiesta non sia stata formulata nel reclamo, a condizione che il danno lamentato sia conseguenza immediata e diretta della condotta della banca.

Può essere utile precisare che per cliente deve intendersi il soggetto, con esclusione di coloro che svolgono in via professionale attività nei settori bancario assicurativo o previdenziale e dei servizi di pagamento, a meno che agiscano per scopi estranei all'attività professionale, che è entrato in relazione con la banca, indipendentemente dall'effettiva conclusione e sottoscrizione di un contratto di carattere stabile, e quindi anche se vi siano state solo singole prestazioni della banca (ad esempio un'operazione singola di pagamento o la negoziazione di un assegno), o trattative fermatesi solo alla fase precontrattuale.

A quest’ultimo proposito vale forse la pena di ricordare che le banche sono soggette, per legge e per le disposizioni emanate dalla Banca d'Italia, agli obblighi di cosìdetta trasparenza nella relazione con la clientela (a prescindere cioè dal perfezionamento di un contratto), ossia obblighi di informazione e esibizione di documenti.

Anche per la violazione di queste regole il cliente può rivolgere domanda all'Arbitro Bancario Finanziario se ritiene di non avere ricevuto soddisfazione o ragione dal reclamo in precedenza inviato.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su arbitro bancario finanziario » competenza e presupposti.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.