E famogliela vedé .....

Non se ne può più!!!

E' diventato un tormentone, ormai. Cosa? La questione della laurea del dott. Antonio Di Pietro.

Alle ore 18.35 di oggi, giovedì 10 aprile, l'ultimo lancio di agenzia.

"Chiedo al ministro dell'Istruzione se può sottoporre a custodia sicura i documenti che ci sono presso l'università e che attestino che Di Pietro abbia preso laurea. E chiedo al ministro della Giustizia di verificare i documenti con cui Di Pietro si è rivolto per sostenere il concorso". E' il duro attacco che Silvio Berlusconi fa ad Antonio Di Pietro a ‘Porta a portà . "Non ha mai - dice l'ex premier - presentato un diploma originale di laurea, ma solo certificati diversi. Diversi in un caso per il voto di un esame e in un altro caso per la data. Di Pietro non solo mi fa orrore, ma è anche un bugiardo".

Appena una settimana fa sempre lui, Silvio Berlusconi, sbraitava: "Ho orrore di Di Pietro, rappresenta il peggio del peggio del peggio. Mi fa orrore. Io, quando ero studente, ogni volta che prendevo un 30 mia madre invitava tutti a mangiare le frittelle, ero diventato il vanto del palazzo. Quando preparavo gli ultimi esami nel condominio c'era il coprifuoco di radio e tv perché dicevano che Silvio doveva studiare. A Montenero di Bisacce lui preparava esami in due giorni, e nessuno sapeva chi si stava laureando, nessuno, nemmeno i suoi genitori. Lui mi fa orrore perché non rispetta le persone, ha mandato in galera italiani senza avere alcuna prova".

E rincarava la dose, aggiungendo: "Ha preso la laurea grazie ai Servizi perché non è possibile che l'abbia conseguita uno che parla così"

Insomma, nessuno (o quasi) crede alle illazioni dell'incantatore di serpenti, Silvio Berlusconi, sulle date diverse dell'esame di laurea e sui voti di esame variabili in ogni certificato presentato.

Quale sospetto velenoso vorrebbe insinuare, nell'elettorato, l'uomo di Arcore: che Antonio di Pietro non si è mai laureato, o quel che è peggio, che un ex magistrato, un ministro della Repubblica (ancora in carica) produce certificati di laurea falsi? Ma andiamo!!!

Siamo seri. La cosa non sta in piedi. Come avrebbe potuto, il dott. Di Pietro, accedere alla carriera in Magistratura e diventare un Pubblico Ministero?

Stavolta Silvio l'ha sparata davvero grossa.

Ma è pur vero che se uno ce l'ha, cosa ci vuole a mostrarla pubblicamente? La laurea, intendo.

Così si porrebbe fine a questa tediosa telenovela.

Noi siamo andati a curiosare un po' in rete, per capire quale fondamento abbiano le affermazioni di Silvio Berlusconi.

Wikipedia riporta che Di Pietro la laurea ce l'ha. Infatti nelle pagine web-enciclopediche si legge:

"Dopo aver conseguito un diploma di perito elettronico, a 21 anni emigra in Baviera (Germania); la sua giornata si suddivide fra un lavoro da operaio in una fabbrica metalmeccanica e un altro, il pomeriggio, in una segheria.

Tornato in Italia, nel 1973, inizia gli studi all'Università di Milano presso la facoltà di giurisprudenza, mentre lavora come impiegato civile dell'Aeronautica Militare. Nel 1978 termina gli studi universitari laureandosi in giurisprudenza (con voto 108/110); l'anno successivo, attraverso un pubblico concorso, assume le funzioni di segretario comunale in alcuni comuni del Comasco."

Allora, caro dott. Di Pietro, facciamogliela vedé. Cosa si aspetta?

Perchè, sia chiaro a tutti: se Daniela Santanchè non gliela dà, e se anche lei non gliela fa vedè, finisce che il caimano si stranisce e ci cade in depressione.....

E questo, per il bene dell'Italia, non sia mai!

10 aprile 2008 · Patrizio Oliva

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • cumshot 24 aprile 2009 at 01:48

    e se la santanchè ci è gia stata?

1 11 12 13