Annullamento della cartella esattoriale per autotutela

L'annullamento della cartella esattoriale può essere richiesto dal cittadino che ritiene infondato l'addebito riportato nella cartella esattoriale. Le contestazioni vanno sottoposte all'ufficio dell'ente creditore che ha formato il ruolo.

Se il debitore, dopo attenta analisi della cartella esattoriale, ritiene che la somma richiesta non sia dovuta deve reperire la documentazione a sostegno delle proprie ragioni. Ad esempio:

  • nel caso di multe automobilistiche, il bollettino di pagamento del verbale di contravvenzione o la decisione del Prefetto o del Giudice di Pace se si è fatta opposizione ed è stato annullato il verbale di contravvenzione;
  • nel caso di recupero di imposte sui redditi da parte dell'Agenzia delle Entrate (crediti erariali), la dichiarazione dei redditi prodotta per l'anno cui si riferisce il tributo con tutta la documentazione e l'eventuale pagamento in autotassazione.

Con la documentazione dell'avvenuto pagamento o dell'insussistenza del debito descritto nella cartella esattoriale, il Contribuente dovrà:

  • recarsi all'ufficio dell'ente creditore (o impositore) che ha inviato all'agente della riscossione l'ordine di riscuotere quel tributo attraverso la cartella esattoriale. L'ubicazione dell'ufficio è indicata nella cartella esattoriale nella sezione "Dettaglio degli addebiti" oppure nella sezione "Quando e come presentare ricorso";
  • presentare a detto ufficio un'istanza in "autotutela", termine tecnico che identifica la richiesta di annullamento della cartella esattoriale con la documentazione a sostegno.

Il debitore deve fare molta attenzione ai termini ed all'iter seguito poiché l'istanza in "autotutela" non blocca i termini utili per ricorrere al Giudice Tributario o a quello Ordinario (ad es. Giudice di Pace), pertanto:

  • se l'ufficio dell'ente creditore (o impositore), alla verifica della documentazione esibita, riconosce subito l'errore in cui è incorso ed annulla la cartella esattoriale, il Contribuente deve solo accertarsi che l'ufficio comunichi all'agente della riscossione l'annullamento della cartella esattoriale;
  • se l'ufficio dell'ente creditore (o impositore) non riconosce l'errore, mentre il debitore continua a ritenere fondata la sua richiesta, quest’ultimo può ricorrere al Giudice Tributario o a quello Ordinario, attivando un formale “ricorso” avverso il pagamento della cartella esattoriale. Il ricorso deve essere presentato entro i termini previsti dalla legge onde evitare di perdere definitivamente la possibilità di vedere accolte le proprie ragioni.

Questi termini, che risultano chiaramente indicati nella sezione della cartella esattoriale ”Quando e come presentare ricorso”, possono variare da 30 a 40 o 60 giorni dalla data di notifica della cartella esattoriale, a seconda che l'importo iscritto a ruolo ed indicato in cartella esattoriale trae origine da sanzioni per contravvenzioni al codice della strada, sanzioni amministrative di vario tipo, tributi comunali, contributi previdenziali, tributi erariali o altro.

Nella stessa sezione è indicato anche il Giudice competente a ricevere il ricorso avverso il pagamento della cartella esattoriale.

L'ufficio che riscontra l'atto illegittimo è tenuto ad adottare la procedura di annullamento della cartella esattoriale in base alle norme sull'autotutela (articolo 2 quater del decreto legge numero 564 del 1994; Decreto ministeriale numero 37 del 1997). L'ufficio quindi procede all'annullamento della cartella esattoriale, togliendo così efficacia alla cartella esattoriale stessa ed interrompendo le procedure di riscossione.

Qualora l'istanza di sgravio della cartella esattoriale da parte del debitore sia stata prodotta mentre ancora non sono scaduti i termini per presentare ricorso avverso il pagamento della cartella esattoriale, l'ufficio competente ha l'obbligo di comunicare al contribuente gli eventuali provvedimenti di annullamento, totale o parziale, del ruolo della cartella esattoriale prima della scadenza dei suddetti termini, in modo da evitare l'eventuale instaurarsi del procedimento contenzioso su motivi di illegittimità della cartella esattoriale, che l'ente creditore riconosce fondati.

È bene ricordare che l'istanza per l'annullamento della cartella esattoriale in autotutela non sospende di per sé la riscossione delle somme indicate nella cartella esattoriale.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su annullamento della cartella esattoriale per autotutela.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • c0cc0bill 20 ottobre 2008 at 15:05

    l'articolo e molto buono e chiaro ma non sono riuscito a capire il termine di prescrizione della cartella esattoriale es:in questi giorni o ricevuto una raccomandata da equitalia con richiesta di pagamento di diritti camerali camera di commercio anni 1989 e 1993 avviso di mora maggio 1997 (mai ricevuto)l'ente impositore mi dice che niente devo per prescrizione ma il concessionario vuole il pagamento, l'ente impositore non mi puo fare lo sgavio perchè niente devo. quanti anni occorrono per la prescrizione dalla data avviso di mora? grazie Enrico

    Consiglierei di sottoporre il quesito al consulente fiscale, nello spazio riservato allo scopo a cui si accede dalla home page.

    Quest’area è riservata ai commenti e sarà poco probabile che il consulente fiscale legga.

1 2