Il pignoramento presso terzi rientra nella giurisdizione tributaria

Rientra nella giurisdizione tributaria la controversia promossa dal contribuente e che investa un pignoramento presso terzi, cioè un atto dell'esecuzione, che, a norma dell'articolo 2, comma 1, decreto legislativo 31 dicembre 1992, numero 546, come modificato dall'articolo 3-bis, comma 1, lettera a), del d.l. 30 settembre 2005, numero 203, convertito, con modificazioni, dalla legge 2 dicembre 2005, numero 248, sarebbe escluso dalla giurisdizione del giudice tributario, quando l'oggetto della controversia sia costituito non da un atto dell'esecuzione, bensì dalla contestata fondatezza del titolo esecutivo, cioè delle cartelle esattoriali mediante le quali l'ente creditore abbia esercitato la pretesa tributaria che il contribuente ritenga non dovuta.[Cassazione, 5 luglio 2011, numero 14667]

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il pignoramento presso terzi rientra nella giurisdizione tributaria. Clicca qui.

Stai leggendo Il pignoramento presso terzi rientra nella giurisdizione tributaria Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 16 maggio 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 4 marzo 2017 Classificato nella categoria contenzioso tributario ricorso transazione fiscale e accordo per debiti tributari (legge 3/2012) Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

1 2 3

Contenuti suggeriti da Google

Altre info