Agevolazioni prima casa per immobile in costruzione

La circostanza che l'immobile fosse in costruzione al momento della registrazione dell'atto di compravendita e che, solo dopo un biennio dall'acquisto, sia stato rilasciato il certificato di abitabilità non rileva ai fini della normativa che richiede, quale condizione per fruire dei benefici fiscali per l'acquisto prima casa, il trasferimento della residenza nel Comune ove è ubicato l'immobile.

E' bene chiarire che, per poter conservare i benefici fiscali prima casa, la normativa non richiede che l'immobile acquistato in costruzione sia adibito entro 18 mesi ad abitazione principale del contribuente, ma, più semplicemente, che il contribuente trasferisca la propria residenza, entro 18 mesi dalla data di registrazione dell'atto di compravendita, nel Comune in cui è ubicato l'immobile acquistato, seppur in costruzione e privo di certificazione di abitabilità.

Questa la decisione adottata dalla Corte di Cassazione nella sentenza numero 2527 del 5 febbraio 2014.

9 maggio 2014 · Giorgio Valli

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su agevolazioni prima casa per immobile in costruzione. Clicca qui.

Stai leggendo Agevolazioni prima casa per immobile in costruzione Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 9 maggio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 marzo 2017 Classificato nella categoria agevolazioni fiscali prima casa o per acquisto immobili destinati a locazione Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info