Acquisto di prima e seconda casa con agevolazioni fiscali e vendita della prima entro un anno

La nuova norma introdotta dalla legge di stabilità 2016 consente che la condizione relativa al non possesso su tutto il territorio nazionale di un'altra abitazione acquistata con le agevolazioni prima casa si possa verificare anche successivamente al trasferimento agevolato, considerando egualmente meritevole del trattamento di favore, rispetto ad un nuovo acquisto (sempre, naturalmente, di una casa di abitazione con esclusione delle categorie catastali A1, A8 e A9) il contribuente che abbia già acquistato un'abitazione usufruendo delle agevolazioni prima casa e l'alieni successivamente al nuovo acquisto, purché entro un anno.

La nuova disposizione rende più elastica la fruizione dell'agevolazione, tenendo evidentemente conto delle attuali esigenze del mercato immobiliare e dei conseguenti tempi e modi della contrattazione, considerato che spesso il contribuente, intenzionato ad alienare la propria prima casa per acquistarne un'altra, può trovarsi nella difficoltà di riuscire a concludere la vendita prima del nuovo acquisto.

Resta ferma, come accennato, la condizione che l'immobile deve essere ubicato nel territorio del Comune in cui l'acquirente ha o stabilisca entro diciotto mesi dall'acquisto la propria residenza o, se diverso, in quello in cui l'acquirente svolge la propria attività ovvero, se trasferito all'estero per ragioni di lavoro, in quello in cui ha sede o esercita l'attività il soggetto da cui dipende. La dichiarazione di voler stabilire la residenza nel Comune ove è ubicato l'immobile acquistato deve essere resa, a pena di decadenza, dall'acquirente nell'atto di acquisto.

Concludendo, adesso (a partire dal primo gennaio 2016) è consentita l'applicazione dell'aliquota della tassa di registro al 2 per cento in relazione ad un nuovo acquisto di immobile effettuato dall'acquirente ancora titolare (pure per quote, ed anche in regime di comunione legale) su tutto il territorio nazionale dei diritti di proprietà, usufrutto, uso, abitazione e nuda proprietà su un'altra abitazione già acquistata (dallo stesso soggetto o dal coniuge) con le agevolazioni fiscali prima casa, purchè si proceda, entro un anno, all'alienazione di quest'ultima.

Qualora, invece, entro il decorso dell'anno, l'acquirente non intenda più procedere all'alienazione dell'immobile pre-posseduto, si può presentare un'istanza all'Agenzia delle entrate per chiedere la riliquidazione dell'imposta assolta in sede di registrazione dell'acquisto, evitando l'applicazione delle sanzioni.

28 gennaio 2016 · Ornella De Bellis

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info



Cerca