Quali sono le condizioni perché un veicolo sia considerato utilizzato esclusivamente come bene strumentale nell'attività propria dell'impresa?

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

La definizione discende dal DPR 22 dicembre 1986, numero 917 (testo unico delle imposte sui redditi), che definisce l'uso come bene strumentale, a fini fiscali.

Ogni impresa dunque è normalmente al corrente se il veicolo viene acquistato per tale finalità (in quanto lo dovrà poi adeguatamente denunciare al fisco).

Comunque, un veicolo per uso proprio di un privato cittadino può essere agevolato, nei limiti delle risorse riservate a questo scopo, solo se producono emissioni di CO2 <= a 95 g/km. Per verificare, ai fini della ammissibilità ai contributi, il livello di emissioni di CO2 di un ciclomotore, occorre fare riferimento alle emissioni definite in sede di omologazione per il veicolo in questione. I ciclomotori ammessi alla misura sono esclusivamente quelli elettrici ed ibridi, che presentano emissioni di CO2 al di sotto delle soglie minime previste dalla misura.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.