Agenti esattoriali telefonici e domiciliari, professioni in forte ascesa [Commento 1]

  • maria 19 settembre 2009 at 08:37

    lavoro per una società di recupero crediti, il mio responsabile mi rimprovera di non riuscire a recuperare molte pratiche, eppure passo e ripasso dai debitori più volte in svariati orari per il rintraccio ma molte volte quando li trovo va a finire che si vogliono pagare ma al momento non hanno soldi per cominciare i piani di rientro o non lo rispettano lui riesce a far pagare persino i nomadi.!!!!qualche dritta se è possibile su come mi devo comportare o proporre grazie

    • recuperatrice 27 settembre 2009 at 20:02

      Tartassare i debitori tutti i giorni è deleterio per il nostro lavoro, quello che conta è la qualità della telefonata, è importante riuscire a trasmettere il messaggio in modo chiaro.

      Il recuperatore non è un cerbero che vuole per forza i soldi ma un intermediario col quale si può trovare una via d'uscita per riuscire a risolvere la situazione.

      Il piano di rientro lo devi concordare insieme al debitore, è inutile concordare una rata esorbitante se non è nelle sue possibilità economiche.

      Auguri per il tuo lavoro.

Torna all'articolo