Sanzioni scattate dal 7 giugno 2011

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Il proprietario che non ha provveduto a registrare entro il 6 giugno 2011 queste situazioni di irregolarità del contratto di locazione sarà obbligato ad un contratto che ha le seguenti caratteristiche:

  1. durata 4 anni + 4;
  2. canone di affitto non superiore al triplo della rendita catastale con aggiornamento Istat del 75% a partire dal secondo anno.

L'inquilino può:

  1. verificare la raccomandata del locatore che opta per la cedolare secca;
  2. controllare, a partire dal 7 giugno 2011,  la eventuale mancata sanatoria delle situazioni irregolari da parte del proprietario.  L'avvenuta registrazione del contratto può essere verificata mediante accesso al cassetto fiscale dei servizi telematici dell'Agenzia delle Entrate;
  3. verificare la rendita catastale dell'immobile locato;
  4. effettuare,  nel caso di mancata registrazione della locazione da parte del proprietario, la registrazione  della locazione  in base all'articolo 3 comma 8 del D. Lgs. 23/2011.  Così come previsto dalla circolare 26/E, va presentata all'ufficio apposita denuncia in doppio originale unitamente al modello 69 debitamente compilato;
  5. applicare il canone come determinato dalla legge;
  6. procedere ad eventuali azioni giudiziali.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altri contenuti suggeriti da Google

Struttura del sito ed altre info