Affitti in nero - cosa può fare l'inquilino per pagare meno e prorogare la durata del contratto di locazione

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Con l'introduzione della cedolare secca dal 7 giugno 2011, sono cambiate le regole sull'evasione fiscale: da sempre molto critico nei confronti di questa riforma, che non garantirebbe adeguate protezioni per gli inquilini, il SUNIA (Sindacato Unitario Nazionale Inquilini e Assegnatari) ha comunque preparato un vademecum dei diritti dell'inquilino, per spiegare i cambiamenti.

Le nuove regole, in effetti, sono state stabilite per colpire massicciamente l'evasione fiscale che, secondo analisi recenti, nel comparto dei redditi immobiliari arriva a percentuali altissime. I proprietari non in regola che non avevano affatto registrato i contratti o che pagavano le tasse su un affitto minore di quello denunciato avevano tempo fino al 6 giugno per sanare la situazione: chi non lo ha fatto e permane nell'irregolarità rischia di vedere trasformato il contratto illegittimo in una locazione di durata 4 anni + 4 con un affitto molto contenuto (pari a tre volte la rendita catastale, notoriamente assai bassa e non rispondente al valore di mercato dell'immobile).

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • rodolfo ceccarelli 30 giugno 2011 at 12:06

    A Roma il primo caso di affitto super scontato - un inquilino ottiene l'abbattimento del canone da 800 (ottocento) ad 80 (ottanta) euro

    Deve aver pensato: «E adesso cosa ci faccio con questi soldi?». Paolo (nome di fantasia), single, residente nel quartiere San Lorenzo a Roma, era abituato a sborsare in nero 800 euro al mese per il suo appartamento in affitto. Adesso ne pagherà 80, con buona pace del proprietario dell'immobile, che in queste ore dovrebbe ricevere la raccomandata. Nella lettera, il suo inquilino lo informa di aver provveduto alla registrazione verbale del contratto di affitto e che il canone, da quel momento in poi, sarà pari ogni anno al triplo della rendita catastale. Il primo caso di affitto super scontato arriva dopo 20 giorni dal via alle maxi-sanzioni, previste dal decreto legislativo sulla cedolare secca. Venti giorni in cui gli inquilini "in nero" cercano di capire come procedere e l'agenzia delle Entrate cerca di prepararsi all'ondata di denunce in arrivo.

    Le stime, infatti, parlano di 500mila contratti di affitto irregolari. Un mondo sommerso che potrebbe venire a galla proprio grazie alle denunce degli inquilini.

    «Ma per arrivare a questa registrazione - spiega Guido Lanciano, segretario dell'Unione Inquilini di Roma che ha seguito il caso di Paolo - la strada non è semplice. Prima bisogna verificare che il proprietario non abbia già provveduto, poi va controllata la proprietà reale e la rendita sulla quale calcolare il nuovo canone». Dati catastali alla mano, Paolo ha compilato i moduli e ha cercato di consegnarli all'agenzia delle Entrate. «Alcuni uffici non sono pronti - spiega Lanciano - e danno informazioni sbagliate. Per fortuna nel caso di Paolo tutto è filato liscio, e abbiamo già provveduto a inviare la raccomandata al proprietario». Il primo caso di registrazione andato a buon fine, salvo ricorso.

    Mentre Paolo festeggiava in un bar di Roma davanti a un caffè, cercando di calcolare a mente quanto avrebbe risparmiato nei prossimi otto anni (4+4) di contratto a canone super scontato, a Torino una giovane mamma (che preferisce restare anonima) correva come una pallina di flipper da un ufficio all'altro, sotto il sole.

    Abita a Moncalieri, alle porte del capoluogo, con la sua bambina e il suo compagno. Paga 380 euro al mese per un piccolo appartamento preso in affitto il 1° dicembre 2010. Qualche settimana fa ha scoperto che il provvedimento sulla cedolare secca non riguarda solo i proprietari, ma anche gli inquilini in nero, proprio come lei, che da questo mese potrebbe pagare solo 100 euro al mese. Il condizionale è d'obbligo, perché tra il dire e il fare c'è di mezzo l'agenzia delle Entrate.

    Gli operatori del Sunia di Torino, a cui la donna si è rivolta, le hanno spiegato come procedere: «Le abbiamo consigliato di cercare prima di tutto qualche ricevuta che potesse provare l'esistenza del rapporto di locazione», spiega Sergio Contini, segretario provinciale del Sunia di Torino. Con le ricevute dei bonifici con cui versava l'affitto, la donna ha bussato alla porta del l'ufficio centrale delle Entrate in corso Bolzano. «Vorrei registrare il contratto», ha detto allo sportello. «Signora, gli inquilini non possono registrare i contratti», le ha risposto il funzionario.

    Perplessa, è tornata al Sunia. «Quando ci ha raccontato l'accaduto - dice Contini -, le abbiamo stampato il testo del provvedimento pubblicato sulla Gazzetta ufficiale, e le abbiamo consigliato di mostrarlo all'ufficio delle Entrate». Pensando di essersi imbattuta nel l'ufficio meno informato sulla procedura, la donna ha deciso di provare con un'altra sede. Si è rivolta ieri all'Agenzia di Moncalieri, con in mano da una parte le ricevute che provano i suoi pagamenti e dall'altra la copia della Gazzetta ufficiale. Allo sportello, però, l'operatore, un pò spiazzato, le ha chiesto di rilasciare una dichiarazione sulla sua situazione contrattuale e sui versamenti effettuati. «Dovrei compilare il modulo per la registrazione...» ha provato a suggerire - inutilmente - la donna. Nessuna traccia del modello 69, nessuno che, finora, abbia accolto la sua richiesta.