Affidereste la vostra anima a questo individuo?

"Lei direttore dovrebbe vergognarsi! Ora le spiego perchè dovrebbe vergognarsi. Questa sera è emersa  una cosa importante: lei direttore ha fatto un'intervista ad una persona che è stata condannata a due anni e sei mesi per rapina. Le risulta questo? Lei direttore ha intervistato un pregiudicato che ha infangato il nome di Berlusconi ... le risulta questo?  Risponda!!!"

bondiprega

Invece del direttore di Repubblica, Ezio Mauro, ha risposto a Sandro Bondi la zia di Noemi.

Signora Francesca D. F., che grado di parentela ha con i genitori di Noemi?

"Sono la zia, moglie del fratello di Anna Palumbo, la madre di Noemi".

Ha precedenti penali, signora? Sa, dobbiamo chiederglielo perché, per alcuni, il testimone non va valutato per quel che dice, ma per quel che è.

"Non ho precedenti penali".

Qualcuno nella sua famiglia ne ha?

"No".

Ha motivo di risentimento nei confronti di sua cognata o della sua famiglia, o della ragazza?

"Assolutamente no. Ho ottimi rapporti con Anna, con i genitori di Anna e con i suoi fratelli. Anzi, ho condiviso finora con altri membri della famiglia l'imbarazzo, il disagio e la sofferenza che questa situazione non del tutto limpida, sta provocando. Ci sono troppe bugie. Circostanze che contrastano con quello che abbiamo sentito e visto in famiglia".

Gino Flaminio fa parte delle bugie o della realtà vissuta in casa Letizia?

"Gino è stato il fidanzato di Noemi esattamente per il periodo da lui descritto al vostro giornale. Gino fa parte della realtà della famiglia Letizia e tutti noi lo abbiamo conosciuto e soprattutto apprezzato fino a quando i rapporti tra loro si sono deteriorati. È un bravo ragazzo. Amava davvero Noemi e Noemi gli era molto legata".

Vi incontravate anche con Gino?

"Certo, è accaduto più di una volta. Con l'andar del tempo, è nato un legame tra questo ragazzo e la nostra famiglia. Non mi pento di averlo avuto in casa".

Lei sa che il padre di Noemi ha minacciato querela per quello che Gino ha ricordato?

"Sì, purtroppo l'ho sentito ai tg, e ancora mi chiedo come sia stato possibile questo. Gino ha avuto parole di assoluto rispetto per tutti, per Noemi, per i suoi genitori, per noi. E anche per Berlusconi. Qual è la sua colpa? E perché accanirsi contro un ragazzo senza alcuna difesa?".

Lei sa che Gino nel 2005 è stato condannato per rapina?

"Quando lo abbiamo conosciuto era già un operaio. Ma sapevamo che c'era una macchia nel suo passato. E in ogni caso, il suo errore, quale che sia stato, non ha mai costituito un ostacolo al loro affetto, né all'amicizia che il ragazzo ha dimostrato ad Anna e ad Elio, peraltro venendone ricambiato".

Lei ha letto la testimonianza di Gino?

"Certo, e mi ha provocato una grande emozione. Perché ho visto per la prima volta, in questa storia di bugie, una persona dire le cose come stanno, con un coraggio che nessuno finora nella mia famiglia ha avuto".

E lei perché solo adesso ha deciso di offrire la sua testimonianza?

"E ancora avrei voluto tacere. Ma dopo aver visto la violenza della discussione a Ballarò, ho deciso di farmi viva. Ho visto troppe cose che non vanno. "Antiche amicizie" nate dalla notte al giorno. Fidanzati comparsi dal nulla. Dolorosi eventi che hanno afflitto la famiglia, utilizzati per sostenere nuove versioni dei fatti che hanno coinvolto mia nipote Noemi: come il riferimento a una lettera di cordoglio. E' con molto strazio che mi sono decisa ora a parlare. Mi sono tormentata in queste settimane".

Perché lo fa?

"Se devo dire la verità, lo faccio per i miei figli perché devono poter credere che esiste il vero e il falso, il buono e il cattivo. Voglio che sia chiaro che, per quanto mi riguarda, in questa storia non c'entra nulla la politica, nulla i complotti, ma solo la necessità di non vergognarsi quando ci si guarda allo specchio perché si è dovuto avallare una storia che, se non fosse così dolorosa, in famiglia sarebbe una barzelletta di cui ridere".

Lei, quando ha sentito per la prima volta di Berlusconi in famiglia?

"Alla fine del 2008, tra novembre e dicembre, ho visto per la prima volta durante un pranzo familiare Noemi alzarsi da tavolo allo squillo del suo cellulare, e l'ho ascoltata dire papi. Non avevo assolutamente idea, all'epoca, chi potesse essere. Ho pensato a un gioco tra ragazze. Notai soltanto che intorno a lei ci si dava da fare per evitare ogni curiosità".

Quando ha sentito per la prima volta indicare Berlusconi come una presenza familiare?

"Posso dirlo con certezza. L'11 gennaio 2009, il giorno del compleanno di mio figlio. Io organizzai una piccola festicciola. E seppi, quella sera, che si stavano preparando grandi festeggiamenti per i diciotto anni di Noemi. E che alla festa avrebbe partecipato, a meno di impegni improvvisi, anche Silvio Berlusconi".

Addirittura tre mesi prima, si contava sulle presenza a quel tavolo del presidente del Consiglio?

"A me fu detto che dovevamo "prepararci" per quello. La conferma della presenza del capo del governo sarebbe arrivata solo a Pasqua".

E poi?

"Mi fu detto che Berlusconi chiese espressamente a Noemi di essere invitato e pretese di ricevere dalle sue mani l'invito. Non so se poi Noemi lo abbia raggiunto a Roma e come siano andate le cose. In ogni caso, nella nostra riunione di famiglia al pranzo di Pasqua, ci fu confermato ancora di "prepararci" perché avremmo conosciuto il presidente il 26 aprile, alla festa organizzata nel ristorante di Casoria".

Che idea si è fatta della conoscenza tra Berlusconi e Noemi?

"So soltanto quel che mi ha raccontato Anna, mia cognata, la madre di Noemi. Anna sosteneva che il presidente del Consiglio aveva per mia nipote l'affetto di un padre. Ricordo l'espressione: "l'ha presa a cuore". Io non ne dubitai. Noemi è sempre stata una brava ragazza, dolce, buona. Con un grande sogno: fare la ballerina, l'attrice o la showgirl. Ricordo che in famiglia si diceva: "Magari così, Noemi entrerà dalla porta principale". Si intendeva dalla porta principale nel mondo dello spettacolo. E d'altronde la stessa Noemi - ho letto - lo ha già detto in un'intervista. Come peraltro Anna. Nelle primissime interviste, mia nipote e mia cognata sono state sincere e hanno raccontato in pubblico ciò che dicevano a noi in privato. E stato dopo che ho visto troppe cose confondersi".

Vuole darci la sua opinione su questa storia?

"Sono molto preoccupata per la mia famiglia. Se mi espongo così, lo faccio perché siamo una famiglia di gente semplice e per bene. Parlo dei fratelli di Anna, dei suoi genitori, degli altri cognati, dei nostri figli e nipoti, tutti ragazzi sani. Tutti trascinati, dalla mancanza di chiarezza e sincerità, in una situazione che ci imbarazza moltissimo".

Articoli correlati

Silvio Berlusconi dichiara guerra totale ai giornali
Chi è la misteriosa “regina di cuori” che Silvio Berlusconi tenta di nascondere?
I cattivi maestri e le vacanze diverse …
Comprereste il Giornale di cui è direttore questo individuo?
L'imperatore Tiberio e le sue vacanze “in letizia” nell'isola di Capri
Il BERLUSCONI dolens
Il BERLUSCONI senza trucco e senza inganno
Il BERLUSCONI ridens
Il BERLUSCONI mendax
Io non gliela do ...

28 maggio 2009 · Patrizio Oliva

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su affidereste la vostra anima a questo individuo?.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • gianluca rossi 1 giugno 2009 at 14:05

    Ministro Sandro Bondi, lei è uno dei più assidui frequentatori di Villa Certosa, e dei festoni che vi organizza il pa­drone di casa, Silvio Berlusconi.
    «È vero: ogni estate, specie nel mese di ago­sto, ormai da molti anni ho il grande privile­gio di essere ospite del presidente del Consi­glio, nella sua magnifica residenza in Costa Smeralda».

    Ecco, ministro: cosa ha visto? Cosa succe­de in questi festoni?
    «Mi fa questa domanda perché...».

    Perché, in qualche modo, lei è un testimo­ne oculare.
    «Vede... in realtà non sono, come li defini­sce lei, dei festoni».

    No? Scusi, e cosa sono?
    «Dovendole spiegare... non so, si tratta di serate che, solitamente, concludono giornate di lavoro».

    (Sandro Bondi, 50 anni, ministro per i Beni e le Attività Culturali, figlio di un boscaiolo, poi boy-scout, poi ancora iscritto alla Federa­zione dei giovani comunisti, quindi sindaco rosso del suo paese di origine, Fivizzano, in Lunigiana — «Enrico Berlinguer, però, mi pia­ceva più per la sua tristezza esistenziale, che per le idee politiche» — nel 1994, disoccupato e, dicono, depresso, un giorno accompagna Pietro Cascella ad Arcore, dove lo scultore sta costruendo il mausoleo di Berlusconi: lì, e quel giorno, secondo biografie non smentite, comin­cia la sua seconda vita).

    Signor ministro: a queste serate organiz­zate a Villa Certosa, così come ha raccontato ieri al «Corriere» il senatore Marcello Del­l'Utri, partecipano anche numerose, avve­nenti ragazze.
    «Mi viene da sorridere...».

    E perché?
    «Perché nei giardini della villa ci si può tro­vare a cena, oppure a pranzo, con imprendito­ri di passaggio, e con amici, con parlamentari, con dirigenti politici... ma anche, e questo è uno degli aspetti francamente più simpatici, con tante belle famigliole».

    In almeno una delle foto scattate a Villa Certosa, e fatte sequestrare dalla Procura di Roma, come ammette persino lo stesso avvo­cato di Berlusconi, Niccolò Ghedini, «l'ex pri­mo ministro della repubblica ceca, Mirek To­polanek, è ritratto nudo» .
    «Nudo...».

    Nudo.
    «Non so, sarà una sua abitudine».

    Curiosa abitudine, non trova?
    «Mah... D’altra parte consideri però che la villa è a pochi metri dal mare. Un mare, come lei saprà, d'una bellezza assoluta».

    In un'altra foto, Berlusconi è accanto a una splendida ragazza bionda. Poco dietro, si stagliano altre due bellezze da togliere il fiato. Una, in particolare, indossa un minia­bito nero.
    «Mai visto niente di simile, a Villa Certosa».

    Mai?
    «Io, mai».

    Le foto, signor ministro, sono scattate nel patio di una delle residenze di solito riserva­te a voi ospiti.
    «Guardi, l'unica situazione piccante alla quale mi è capitato di prendere parte, è una cena a lume di candela, in una notte tempesto­sa, con Fabrizio Cicchitto».

    Eravate soli?
    «Soli».

    In alcune delle foto sequestrate ci sono poi due ragazze, bellissime, che fanno la doccia in topless. E i loro corpi sono così vi­cini che sembra quasi si sovrappongano.
    «Senta, sono cattolico ma non bigotto...».

    E perciò?
    «Perciò quando si è al mare d'estate, e fa cal­do, e in Sardegna fa sempre molto caldo, le ra­gazze non si mettono certo il burka...».

    Si fatica un pò a immaginare lei, signor ministro, che ha pure un animo delicato, scrive poesie, e altri illustri frequentatori della villa, come Gianni Letta e Fedele Confa­lonieri, in simili contesti.
    «Infatti non ci sono questi contesti...».

    Lei è sicuro: mai viste ragazze in atteggia­mento provocante?
    «Mai. Alcune, anzi, mi fanno tenerezza».

    Tenerezza?
    «Sì, perché sono come tutti i giovani di og­gi... ».

    E come sono i giovani di oggi?
    «Fragili, e alla ricerca di una vita felice...».

    La signora Veronica Lario, moglie del Ca­valiere, come saprà parla invece di «vergini che si offrono al drago», di «divertimento dell'imperatore»...
    «Stimo moltissimo, la signora Veronica, e condividerei i suoi giudizi se fossero fondati sulla realtà. Credo, purtroppo, ci sia stato un enorme fraintendimento».

    Le ricordo, signor ministro, che quando Noemi Letizia fu invitata al festone dello scorso Capodanno, aveva solo 17 anni.
    «E che vuol dire? Anche i ragazzi delle scuo­le che vanno in visita a Villa Certosa sono mi­norenni...».

    Un'ultima domanda. Avrà letto, sul quoti­diano «Libero», le dichiarazioni rese da Da­niela Santanché...
    «No no... la prego...».

    Le sembra credibile che Veronica Lario ab­bia una relazione con il responsabile della sua sicurezza? Si è mai fatto cenno, a questa relazione, nelle serate d'estate di Villa Certo­sa?
    «Non mi metta in difficoltà. Queste sono co­se private in cui non voglio entrare... non pos­so entrare».