Adeguamento istat del canone di locazione

L'adeguamento Istat del canone di locazione, in particolare, è quello che più di ogni altro pesa sulle tasche della popolazione, essendo elevata la percentuale di coloro i quali vivono in affitto. Va detto che l'eventuale aumento del canone non si ripercuote per forza sull'inquilino.

Sarà di volta in volta l'affittante a decidere se assorbire l'aumento o alzare in proporzione il canone. Questa scelta deve rispettare in ogni caso l'adeguamento annuo, il cui calcolo può essere effettuato dal commercialista, da uno studio legale o tramite software disponibili in rete. L'adeguamento non si paga una tantum ma va a modificare la rata di affitto mensile.

L'adeguamento sul canone di locazione cambia a seconda del contratto. Per chi ha stipulato un contratto concordato, il tipico 3+2, la legge prevede un adeguamento annuale al 75% della rivalutazione Istat. Per chi invece ha stipulato un contratto libero, 4 + 4 anni, l'aumento Istat applicabile è pari al 100% della rivalutazione. Per le locazioni ad uso diverso dall'abitazione (uffici, negozi, depositi, box auto) l'adeguamento annuale, salvo contratti superiori a 6 anni, rimane fissato al 75%.

A scanso di contestazioni, è opportuno che la modalità di calcolo dell'adeguamento venga riportata nel contratto.

6 dicembre 2013 · Giorgio Valli

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca