Addio pubblicità ingannevole

Lo scorso 21 settembre è entrata, finalmente, in vigore la Direttiva 2005/29/CE sulle pratiche commerciali sleali. La direttiva in questione, recepita dal Governo italiano attraverso il decreto legislativo del 2 agosto 2007, numero 146, tutela i consumatori non solo dalle pubblicità ingannevoli ma anche da quelle invasive (come le vendite porta a porta, quelle effettuate per telefono, eccetera).

Rientra nel campo d'azione della direttiva, anche il comparto economico-finanziario dedito alla concessione di prestiti personali e mutui ipotecari. Devono, pertanto, essere specificati chiaramente, non solo i termini reali dell'offerta, ma anche le condizioni e i tassi d'interesse applicati. Non è adesso più possibile concedere allettanti prestiti con un dichiaratissimo TAN irrisorio e un celato, ma carissimo ISC (già TAEG), che è proprio la voce che incide maggiormente sui costi da sostenere. Per quanto concerne la concessione di prestiti a soggetti protestati, le finanziarie e le banche devono anche dichiarare l'eventuale maggiorazione applicata sui tassi reali, a copertura del maggior rischio. Insomma, una novità importante che mira a tutelare l'utenza e a favorire maggiore trasparenza in un settore, come quello creditizio, che si basa, molto spesso sulla disinformazione.

10 novembre 2007 · Patrizio Oliva

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su addio pubblicità ingannevole.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.