La dematerializzazione dell'attestato di rischio spiegata in termini semplici

Dal 1° luglio 2015 l'attestato di rischio, ovvero il documento che attesta la classe universale di appartenenza dell'assicurato e il numero degli incidenti avuti negli ultimi anni, sarà solo online.

A confermarlo, come accennato, è l'Ivass (l'Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni) in un comunicato emesso nei giorni scorsi, annunciando l'emanazione del regolamento n. 9/2015 recante la disciplina della banca dati attestati di rischio e dell'attestazione sullo stato di rischio.

A partire dal 1 luglio 2015, dunque, si è conclusa la prima fase del processo che porterà alla cosiddetta dematerializzazione” dell'attestato di rischio, contribuendo a velocizzare le comunicazioni tra i clienti e le compagnie di assicurazione e a prevenire il fenomeno delle frodi e delle falsificazioni.

Da tale data, infatti, per tutti i contratti in scadenza dal 1 luglio, il nuovo attestato dinamico (in contrapposizione a quello statico cartaceo) sarà disponibile soltanto in formato elettronico e non sarà più inviato materialmente agli assicurati ma sarà depositato in una banca dati gestita dall'Ania, sotto il controllo dell'Ivass.

Pertanto, il contraente non dovrà più inviarlo alla compagnia per la stipula della nuova polizza assicurativa, ma sarà la stessa ad accedere alla banca dati e ad acquisirlo direttamente online.

La compagnia “uscente”, oltre all'obbligo di depositare l'attestato di rischio nella banca dati comune, deve altresì mettere a disposizione del contraente l'attestato sul proprio sito internet (attivando un'apposita area riservata per i clienti), nonché, su richiesta dello stesso, via mail, mediante Whatsapp e altre applicazioni per smartphone o tablet e persino tramite Facebook.

E non solo. Sempre su richiesta del contraente, a differenza di quanto avviene oggi, è prevista la possibilità del rilascio di un duplicato dell'Attestato di rischio a persona diversa (ad es. al proprietario del veicolo, nel caso in cui sia diverso dal soggetto che ha stipulato la polizza assicurativa).

In ogni caso, per chi ha poca dimestichezza con le nuove tecnologie, la compagnia di assicurazione deve garantire comunque a chi ne fa domanda la stampa cartacea dell'attestato ma non la consegna a domicilio.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la dematerializzazione dell'attestato di rischio spiegata in termini semplici.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.