Prima del contratto di compravendita di un'auto

Prima di arrivare alla firma del vero e proprio contratto di acquisto dell'auto, il veditore fa sottoscrivere al futuro cliente una sorta di proposta di acquisto.

Questo documento, che è anch'esso un contratto, è formulato non come accordo negoziato, bensì come proposta del cliente che il venditore può anche rifiutare.

Si diventa poi possessori del mezzo, a tutti gli effetti, quando il concessionario firma la dichiarazione di vendita e la trascrive al Pra (pubblico registro automobilistico).

In assenza di tale atto, l'unico modo per far valere il diritto di proprietà in caso di contestazioni c'è quando il contratto firmato all'acquisto riporta il numero di telaio del veicolo.

Se manca anche questo, e il veicolo poi non viene consegnato, si rimane esclusivamente creditori della somma versata all'atto dell'acquisto o, secondo i casi, del suo doppio.

Negli ultimi anni, per fortuna, le clausole dei contratti sono diventate più chiare e meno penalizzanti, anche per effetto di due direttive europee.

Importante, comunque, adottare sempre qualche precauzione: mai lasciare nulla al caso.

Evitare sempre i patti a voce e riportare ogni cosa, anche quella ù insignificante, su un documento firmato dalle parti.

In particolare:

  • modello e versione del mezzo secondo denominazione e sigle del costruttore;
  • colori di carrozzeria e interni;
  • classe Euro;
  • tempi di consegna;
  • prezzo detassato e chiavi in mano;
  • spese ed emolumenti di messa in strada;
  • valore dell'eventuale usato in permuta;
  • spese per demolirlo e radiarlo dal Pra;
  • eventuali omaggi e facilitazioni;
  • numero di telaio completo;
  • atti accessori.

E' bene fare attenzione anche al modulo del contratto. Se questo è stato predisposto dal costruttore, quasi certamente non avrà clausole vessatorie che determinano a carico del consumatore un significativo squilibrio dei diritti e degli obblighi derivanti dal contratto.

Prima di sottoscrivere, invece, un modulo contrattuale generico predisposto dal venditore, bisogna farsene dare una copia e, Codice del consumo alla mano, cercare le clausole più penalizzanti chiedendo che vengano eliminate.

Concludendo, per tutelarsi, particolare cautela occorre anche per l'eventuale contratto di finanziamento.

E' bene non firmarlo mai in bianco, ma solo se è stato compilato in ogni parte e mai prima che l'auto sia disponibile.

Altrimenti, il venditore potrebbe attivare il finanziamento anche molto prima, incassando il corrispettivo.

E, se fallisse, il cliente potrebbe dover pagare le rate senza aver mai visto l'auto.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su prima del contratto di compravendita di un'auto.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.