Mutuo residuo ed accollo concesso dalla banca per prima casa

Accollo del mutuo previsto nell'accordo preliminare di acquisto immobile

Nel compromesso per l'acquisto della prima casa e stato concordato l'accollo del mutuo residuo. La banca concede l'accollo ma vuole cambiare le condizioni originarie aumentato di due punti lo spread applicato.

E' possibile opporsi e pretendere di mantenere invariate le condizioni originarie del contratto di mutuo esistente?

Accollo mutuo residuo - Per quello liberatorio la banca può decidere nuove condizioni contrattuali

Non esiste alcuna normativa che preveda l'obbligo di concedere l'accollo liberatorio (credo sia il suo caso). Nè tanto meno quello di concederlo alle stesse condizioni del mutuatario originario.

Nell’accollo del mutuo assistito da ipoteca, la banca creditrice deve dare il proprio assenso e normalmente non libera il mutuatario originario. Ciò significa che i responsabili del debito ipotecario saranno sia il contraente originario, sia il subentrante liberante.

Le banche possono non aderire all'accollo liberatorio, nell’ipotesi in cui ritengano che il subentrante non abbia i requisiti per poter soddisfare il credito. O, comunque, che il mutuatario subentrante non abbia lo stesso merito creditizio di quello uscente. O, solo per specularci sopra.

Quando liberano il mutuatario venditore (accollo liberatori) non c'è praticamente più alcun legame fra il contratto di mutuo originario e quello accollato. E le banche possono ancora richiedere un aumento dello spread.

Come vede "se non è zuppa, è pan bagnato". In qualsiasi modo si rigiri la frittata le banche possono, in sostanza, fare quel che vogliono.

21 novembre 2012 · Marzia Ciunfrini

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita e briciole di pane

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mutuo residuo ed accollo concesso dalla banca per prima casa. Clicca qui.

Stai leggendo Mutuo residuo ed accollo concesso dalla banca per prima casa Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 21 novembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 14 gennaio 2017 Classificato nella categoria decisioni Arbitro Bancario Finanziario in tema di clausole vessatorie portabilità violazione dovere buona fede contrattuale risarcimento Inserito nella sezione giurisprudenza del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti