Accertamento induttivo e studi di settore &arquo; gravi incongruenze

Accertamento induttivo e studi di settore nel caso di gravi incongruenze

L'accertamento induttivo rappresenta una modalità di accertamento dei redditi delle imprese.

Esso si distingue in due tipi:

  1. accertamento analitico induttivo, previsto dall'articolo 39, comma 1, lettera d), del DPR numero 600/1973. L’Ufficio, in questo caso, può fondare l’accertamento solo in presenza di presunzioni gravi precise e concordanti;
  2. accertamento induttivo vero e proprio, previsto dall'articolo 39, comma 2, del DPR numero 600/1973. L’ufficio, in questo caso, in presenza di contabilità inattendibile, può prescindere in tutto o in parte dalle risultanze delle scritture contabili, ed accertare induttivamente il maggior reddito utilizzando presunzioni anche non dotate dei requisiti di precisione, gravità e concordanza di cui all'articolo 2729 del Codice civile.

Pertanto, qualora il contribuente abbia tenuto una contabilità formalmente e sostanzialmente regolare, l’Ufficio può procedere all'accertamento analitico induttivo, ai sensi non già dell'articolo 39, comma 2, del DPR numero 600/1973, ma dell'articolo 39, comma 1, lettera d) del DPR numero 600/1973, e quindi basare l’attività di accertamento anche su presunzioni, purchè gravi, precise e concordanti, e non su semplici ipotesi o comunque su elementi indiziari sprovvisti di tali requisiti.

La valenza dei dati medi di settore alla base degli studi di settore è quella di semplici elementi indiziari

In proposito, la valenza dei dati medi di settore alla base degli studi di settore (quali ad esempio: percentuali di ricarico medio, prezzi medi di settore, eccetera), è quella di semplici elementi indiziari non in grado di supportare da soli un accertamento induttivo, secondo l'ormai consolidato orientamento giurisprudenziale.

Infatti, secondo la giurisprudenza, lo scostamento dalle medie di settore non può qualificarsi meccanicamente ed autonomamente quale presunzione semplice dotata dei requisiti di gravità, precisione e concordanza di cui all'articolo 2729 del Codice civile.

Di recente, la Cassazione ha affermato che l'Amministrazione finanziaria, qualora proceda all'accertamento tramite gli studi di settore, non è tenuta a verificare tutti i dati richiesti per uno studio generale di settore, ma può  basarsi anche solo su alcuni elementi ritenuti sintomatici per la ricostruzione del reddito del contribuente.

Al riguardo, la Cassazione ha richiamato, a fondamento di tale potere, l’articolo 54 del DPR numero 633/1972 che autorizza l’Amministrazione finanziaria, qualora ravvisi gravi incongruenze, a procedere all'accertamento induttivo anche fuori delle ipotesi ivi previste e, in particolare, anche in presenza di una tenuta formalmente regolare della contabilità (Cassazione, ordinanza 13 gennaio 2014, numero 457).

6 febbraio 2014 · Giorgio Valli

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , , ,

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su accertamento induttivo e studi di settore &arquo; gravi incongruenze. Clicca qui.

Stai leggendo Accertamento induttivo e studi di settore &arquo; gravi incongruenze Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 6 febbraio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria avviso di accertamento fiscale - avviso di accertamento bonario (comunicazione di irregolarità) e comunicazioni per la tax compliance Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca