Accertamento fiscale con studi di settore » valido anche se il professionista ha clienti cattivi pagatori

Professionista con clienti cattivi pagatori? Non è una giustificazione per evitare l'accertamento fiscale attraverso gli studi di settore.

Per difendersi dall'accertamento fiscale fondato sui parametri, la strada è una sola: la prova contraria e decisiva.

A tal fine, non si può ammettere, come giustificazione dello scostamento, la scarsa puntualità di pagamento dei clienti o col fatto che, i medesimi, non sempre corrispondono onorari conformi alle tabelle professionali.

Tali circostanze, lungi dall'essere notorie, non superano la presunzione di maggiori ricavi e, soprattutto, non costituiscono nozioni di fatto che rientrano nella comune esperienza-

Questo, riassunto brevemente, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 22950/14.

Da quanto si deduce dalla suddetta pronuncia, è ugualmente valido l'accertamento fiscale, condotto attraverso gli studi di settore, nei confronti del professionista che ha clienti poco puntuali nei pagamenti, o che cercano sempre sconti rispetto a quanto, di regola, avviene nell'ambito del settore di riferimento.

Secondo quanto chiarito dalla Suprema Corte, infatti, la scarsa puntualità nel pagamento delle parcelle, ma soprattutto l'abitudine dei clienti di pagare onorari non sempre conformi alle tabelle professionali, non può essere una legittima difesa per il libero professionista che non è congruo.

Ricordiamo che, per il professionista, non essere congruo, ovvero dichiarare un reddito inferiore allo standard, fa scattare il campanellino di allarme all'Agenzia delle Entrate, la quale procede, poi, con l'accertamento fiscale.

Ebbene, tornando al punto di prima, il professionista, anche se rimane al verde a causa dei suoi clienti poco nobili, non può scansare gli standard degli studi di settore.

La constatazione secondo cui alcuni clienti sono soliti corrispondere onorari dimezzati e, comunque, con mesi di ritardo, non può derogare alle nozioni che rientrano nella comune esperienza considerata dal fisco come base per applicare gli studi di settore.

4 novembre 2014 · Andrea Ricciardi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , , ,

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su accertamento fiscale con studi di settore » valido anche se il professionista ha clienti cattivi pagatori. Clicca qui.

Stai leggendo Accertamento fiscale con studi di settore » valido anche se il professionista ha clienti cattivi pagatori Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 4 novembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria avviso di accertamento fiscale - avviso di accertamento bonario (comunicazione di irregolarità) e comunicazioni per la tax compliance Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


cerca