Accertamento da tovagliometro - Prima o poi al ristorante dovremo portarci i tovaglioli (in nero) da casa

L'accertamento con metodo analitico induttivo, con il quale l'Agenzia delle entrate procede alla rettifica di componenti reddituali, è consentito, pure in presenza di contabilità formalmente tenuta, dal momento la disposizione presuppone, appunto, scritture regolarmente tenute e, tuttavia, contestabili in forza di valutazioni condotte sulla base di presunzioni gravi, precise e concordanti che facciano seriamente dubitare della completezza e fedeltà della contabilità esaminata.

In particolare, in tema di accertamento presuntivo del reddito d'impresa è legittimo l'accertamento che ricostruisca i ricavi di un'impresa di ristorazione sulla base del consumo unitario dei tovaglioli utilizzati (risultante, per quelli di carta, dalle fatture o ricevute di acquisto, e per quelli di stoffa, dalle ricevute della lavanderia), costituendo dato assolutamente normale quello secondo cui, per ciascun pasto, ogni cliente adoperi un solo tovagliolo e rappresentando, quindi, il numero di questi un fatto noto idoneo, anche di per sè solo, a lasciare ragionevolmente e verosimilmente presumere il numero dei pasti effettivamente consumati.

Naturalmente sarà necessario sottrarre dal totale una certa percentuale di tovaglioli normalmente utilizzati per altri scopi, quali i pasti dei soci e dei dipendenti, l'uso da parte dei camerieri, le evenienze più varie per le quali ciascun cliente può essere indotto ad utilizzare più tovaglioli.

Così i giudici della Corte di cassazione nella sentenza 20060/14.

Sorge spontanea la domanda: all'Agenzia delle entrate nessuno ha pensato, almeno per le imprese alberghiere, ad un accertamento analitico induttivo basato sul consumo di carta igienica da parte dei clienti?

10 ottobre 2014 · Giorgio Valli

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su accertamento da tovagliometro - prima o poi al ristorante dovremo portarci i tovaglioli (in nero) da casa.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • Pietro Paolo Boiano 1 novembre 2014 at 18:28

    LA CORTE DI CASSAZIONE RENDE GIUSTIZIA AL DILAGARE DI UNA MEGAGALATTICA EVASIONE FISCALE.

    • Ludmilla Karadzic 1 novembre 2014 at 18:43

      Abbiamo compreso con chiarezza che lei è contro l'evasione fiscale, senza se e senza ma. Qui lo siamo tutti, anche se molto spesso rileviamo che l'Amministrazione finanziaria ed i giudici di legittimità sanno essere spietati contro i piccoli evasori, un pò meno con i grandi.

      Ciò chiarito, rileviamo che il suo secondo intervento, ribadendo un concetto da lei già espresso senza aggiungervi valore, comincia a sconfinare nello spam.