Accertamento fiscale » Occhio ai consumi di energia: l'Agenzia delle Entrate può servirsene

Accertamento fiscale: i consumi di energia in soccorso dell'Agenzia delle Entrate.

Il fisco può ricorrere alle cosiddette presunzioni supersemplici per accertare l'esistenza di ricavi superiori a quelli contabilizzati dal contribuente.

Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 20897/14.

Non è illegittimo presumere maggiori ricavi non dichiarati sulla base dei consumi di energia elettrica: l'accertamento fiscale induttivo operato dall'Amministrazione nei confronti di una ditta, per la Cassazione, non merita di essere dichiarato illegittimo perché il contribuente è incapace di fornire la prova dei fatti a fondamento della pretesa tributaria.

A parere degli Ermellini, infatti, in tema di valutazione della prova presuntiva in ordine all'esistenza di maggiori ricavi, il Fisco può utilizzare qualsiasi elemento probatorio e può fare ricorso al metodo induttivo.

Ciò, avvalendosi anche di presunzioni supersemplici, ovvero presunzioni prive dei requisiti di gravità, precisione e concordanza, le quali determinano un'inversione dell'onere della prova.

In tale fattispecie, dunque, è il contribuente che deve dedurre elementi contrari intesi a dimostrare che il reddito non è stato prodotto o è stato prodotto in misura inferiore a quella accertata.

Ebbene, nella fattispecie, il Fisco procedeva nei confronti del titolare di una ditta, che presentava una contabilità regolare ma sostanzialmente priva di garanzia e affidabilità,.

L'accertamento era stato eseguito calcolando i maggiori ricavi sulla base delle informazioni raccolte in loco nonché del consumo di energia e dell'ubicazione dell'azienda.

Il contribuente, regolarmente invitato dall'ufficio a fornire in contradditorio elementi a suo favore, non giustificava adeguatamente lo scostamento dagli studi di settore.

7 ottobre 2014 · Paolo Rastelli

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , ,

avviso di accertamento fiscale - avviso di accertamento bonario (comunicazione di irregolarità) e comunicazioni per la tax compliance, sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di fisco tributi e contributi

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su accertamento fiscale » occhio ai consumi di energia: l'agenzia delle entrate può servirsene. Clicca qui.

Stai leggendo Accertamento fiscale » Occhio ai consumi di energia: l'Agenzia delle Entrate può servirsene Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 7 ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria avviso di accertamento fiscale - avviso di accertamento bonario (comunicazione di irregolarità) e comunicazioni per la tax compliance Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca