Accertamento esecutivo - schema sintetico della procedura

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Dal primo ottobre 2011 sono entrate in vigore le norme relative all'accertamento esecutivo.

In questo articolo l'avvocato tributarista Maurizio Villani descrive gli effetti negativi che sicuramente deriveranno al contribuente dalla nuova procedura di accertamento esecutivo.

Vengono proposte soluzioni temporanee di strategia processuale per "prendere tempo" attraverso la proposizione del ricorso all'accertamento esecutivo e si suggerisce, come soluzione definitiva al problema, di sollevare eccezione di incostituzionalità per le nuove norme. Infine uno schema sintetico, molto chiaro e dettagliato, schematizza la nuova procedura di accertamento esecutivo

Il legislatore fiscale, con l'assillante preoccupazione di incassare nel più breve tempo possibile, ha sensibilmente modificato gli istituti dell'accertamento e della riscossione, nel senso di unificarli per creare un nuovo atto amministrativo complesso per il recupero delle somme richieste.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

1 2 3