No agli accertamenti fiscali per gli studenti-lavoratori » ecco quando non vanno applicati gli studi di settore

Niente accertamenti fiscali per lo studente-lavoratore.

In caso di accertamento basato sui parametri o sugli studi di settore, il contribuente può fare leva sul concomitante impegno universitario che ha sottratto tempo all'attività di lavoro autonomo.

Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 22949/14.

Per chiarire la diatriba, cominciamo dicendo che, in base agli studi di settore, il fisco presume degli standard minimi di reddito da parte di determinate categorie di contribuenti.

Ad esempio, per i professionisti, dichiarare un reddito inferiore allo standard, ovvero non essere congrui fa scattare il campanellino di allarme all'Agenzia delle Entrate, la quale procede, poi, con l'accertamento fiscale.

A riguardo, c'è da sapere che, negli ultimi tempi, l'amministrazione finanziaria ha effettuato accertamenti fiscali anche nei confronti degli universitari che eseguivano un lavoretto per potersi mantenere gli studi, attraverso gli accennati studi di settore.

Certo, di regola, chi vuole evitare accertamenti fiscali e, quindi, grane con l'Agenzia delle Entrate, ha come obiettivo quello di essere congruo alla fine dell'anno.

Ma cosa accade, invece, se si parla di studenti che si dedicano, oltre all'università, anche ad attività lavorative?

Ebbene, secondo quanto disposto dalla Suprema Corte, non sono validi gli accertamenti fiscali per chi è all'università, anche se il rendimento è scarso e tutto fa pensare che non si curi dei libri, dando privilegio all'attività lavorativa.

Dunque, con la pronuncia in esame, gli Ermellini hanno chiarito una volta per tutte che gli studi settore non si applicano al lavoratore-studente, anche se il rendimento universitario è scarso.

Pertanto, l'Agenzia delle Entrate, non può applicare la stessa prassi per tutti i contribuenti: ne conviene non possono essere applicati gli standard al contribuente che lavora meno per via degli impegni universitari, anche se non ottiene buoni risultati.

30 ottobre 2014 · Andrea Ricciardi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , ,

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su no agli accertamenti fiscali per gli studenti-lavoratori » ecco quando non vanno applicati gli studi di settore. Clicca qui.

Stai leggendo No agli accertamenti fiscali per gli studenti-lavoratori » ecco quando non vanno applicati gli studi di settore Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 30 ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria avviso di accertamento fiscale - avviso di accertamento bonario (comunicazione di irregolarità) e comunicazioni per la tax compliance Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


cerca