A Bacoli è vietato bere con la cannuccia - Il sindaco: "E' un'usanza tribale"

Marvin Stone, il produttore di bocchini di carta per sigarette, che il 3 gennaio del 1888 brevettò la cannuccia, forse, non avrebbe mai immaginato che la sua invenzione un giorno potesse finire nel girone dei dannati.

Ma non aveva fatto i conti con l'ordinanza creativa di Antonio Coppola, sindaco di centrosinistra di Bacoli, paese in provincia di Napoli, che ha vietato l'uso di "lunghe cannule" dentro i bicchieri dei locali del suo paese. Il motivo? La possibile trasmissione di patologie dell`apparato gastro-intestinale.

L'ordinanza è dell'11 agosto): "Da qualche tempo secondo notizie apprese - si legge nell'atto - è invalsa l`abitudine nei locali pubblici di consentire la consumazione di bevande a mezzo di lunghe cannule che attingono alla medesima fonte". Tra l'altro per il primo cittadino bere con la cannuccia nello stesso bicchiere è una "pratica che richiama alla mente antiche usanze tribali".

Effetivamente gli inventori senza copyright delle cannucce per bere pare furono i Sumeri, che ci diedero anche la birra. A quel tempo la birra era torbida e non filtrata, perciò veniva bevuta con la cannuccia, per evitare che i residui molto amari si depositassero sulle labbra. A Bacoli però occhio a non farsi beccare con la cannuccia in bocca: 150 euro di multa.

Qualsiasi commento è superfluo. Se non aggiungere che per la candidatura a sindaco non è richiesto un QI minimo. Del resto è ridicolo che il sindaco di un paese in cui i ragazzi scorazzano indisturbati senza casco sul motorino, si preoccupi delle "lunghe cannule" e delle patologie dell'apparato gastro-intestinale ...

17 agosto 2008 · Patrizio Oliva

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su a bacoli è vietato bere con la cannuccia - il sindaco: "e' un'usanza tribale".

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.