Tutte le crisi sono sempre state il prodotto di menti malate a scapito della massa di pecoroni che guardano solo gli indici di borsa per stabilire se un'economia va bene o male, nell'articolo di richard cook postato su effedieffe si fa riferimento alla crisi dei mutui come ad una crisi che parte da lontano, da quando le nostre industrie hanno cominciato a delocalizzare i posti di lavoro in paesi del terzo mondo in cui la manodopera costava dieci-venti volte meno che in italia e con nessuna garanzia

  • Marco 16 luglio 2008 at 22:17

    TUTTE le crisi sono sempre state il prodotto di menti malate a scapito della massa di pecoroni che guardano solo gli indici di Borsa per stabilire se un'economia va bene o male, nell'articolo di Richard Cook postato su EFFEDIEFFE si fa riferimento alla crisi dei mutui come ad una crisi che parte da lontano, da quando le nostre industrie hanno cominciato a delocalizzare i posti di lavoro in paesi del Terzo Mondo in cui la manodopera costava dieci-venti volte meno che in Italia e con NESSUNA garanzia.

    A quel punto però bisognava sostenere il consumo interno e come si poteva fare se non con il debito allora giù con i tassi d'interesse e vai con la creazione di bolle speculative e noi felici a comprare case e macchine a rate, il tasso variabile?e chi se ne frega, non vedi la rata come é bassa.....e via così fino ad oggi al REDDE RATIONEM in cui i nodi verranno al pettine, cercheranno di tenerci buoni con PANEM ET CIRCENSES (TV e calcio) e di dare la colpa a qualcuno ma di sicuro tutto quello che é accaduto e che accadrà é volto alla creazione del NUOVO ORDINE MONDIALE e nulla li fermerà finché non l'avranno creato.

    Per dare un'assaggio di quello che ci aspetta e di come siamo e saremo manipolati basta vedere a cosa é servita l'emergenza ROM (di cui non parlerà più nessuno finché non servirà a qualche altro losco scopo) a farci accettare la schedatura di massa (impronte digitali per tutti) per non discriminarli.

    Lo Stato di Polizia é già qui.

    Pregate il Signore ed abbiate FEDE.

    Marco

Torna all'articolo

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info